20 settembre 2014

Sventura: nuovo romanzo di Chuck Palahniuk


A quasi un anno di distanza dall’uscita americana (Ottobre 2013) arriva finalmente nelle librerie italiane Doomed di Chuck Palahniuk, il seguito di Dannazione (Damned). Tradotto con il titolo di Sventura e non privo di alcuni refusi, da martedì 16 Settembre è disponibile per l’acquisto il secondo capitolo della trilogia ‘dantesca’ di Palahniuk, che illustra con tono dissacrante e con dovizia di particolari e di fluidi organici la discesa agli inferi di un’arguta tredicenne, Madison Spencer. Se nel primo volume faceva la sua conoscenza di altre anime relegate come lei all’Inferno, dando indizi sommari e contradditori su come fosse morta e sul perché fosse stata condannata alle fiamme della dannazione, in Sventura assistiamo al ritorno della sua anima sulla terra per scontare il suo personalissimo Purgatorio. Più dantesco nell’impianto che nei contenuti, il romanzo si apre con una donna intenta a fare sesso con uno sconosciuto in una limousine, per poi prelevare il preservativo usato, gonfiarlo a mo’ di palloncino, modellarlo in una forma umana e gettarlo dal finestrino. Questo il sistema, secondo le antiche profezie, per scatenare il Giorno del Giudizio.

Una prima sinossi del romanzo, rilasciata dall'autore stesso prima ancora della pubblicazione, può essere letta cliccando qui.

31 maggio 2014

I Misteri di Wayward Pines - Blake Crouch

Benvenuti a Wayward Pines. Dove il Paradiso è di casa” Questo il cartello che vi accoglie in un’incantevole cittadina di provincia americana, racchiusa tra le montagne ed ammantata dai pini. Il posto ideale dove andare a rilassarsi, tra villette con la staccionata bianca, grigliate in giardino e vicini cordiali. Ma c’è anche un’altra faccia di Wayward Pines, perché chi cerca di andarsene viene accolto da urla nel bosco, reticoli di filo spinato elettrificato e cartelli come “Tornate a Wayward Pines. Se proseguite morirete”.
    Lo scopre a sue spese l’agente speciale Ethan Burke, incaricato dai Servizi Segreti di ritrovare due colleghi scomparsi proprio a Wayward Pines. Arrivato in città, vittima di un incidente d’auto e colpito da una parziale amnesia, capirà presto che qualcosa non va.

09 novembre 2013

The Last Will and Testament of Rosalind Leigh - Rodrigo Gudino

The Last Will and Testament of Rosalind Leigh è un horror psicologico che si regge su un solo attore, Leon, più la grande protagonista silenziosa dell’intera vicenda: la splendida casa barocca traboccante di oggetti sinistri ed icone sacre che viene lasciata in eredità al protagonista dalla madre deceduta. Arrivato sul posto con l’intento di decidere cosa fare dell’eredità, l’uomo comincia a ricordare il passato vissuto con la madre fanatica, che ha cercato di renderlo un credente fino al giorno in cui lui se n’è andato e non è più tornato indietro. Mentre si aggira per la casa facendo l’inventario degli oggetti si rende conto che la madre ha voluto lasciargli un ultimo messaggio, nascosto in una serie di indizi attorno a lui. Dopo aver trovato un’audiocassetta che spiega come mettersi in contatto con i morti, turbato anche dalla scoperta che la casa fosse stata il ritrovo di una setta di fanatici religiosi devoti agli angeli, di cui la madre stessa era membro, Leon cerca di comunicare con lei. Comincia quindi ad essere tormentato dalle presenze che avevano afflitto anche la madre in quella casa, fino a portarla alla morte. Ma quanto di quello che lui vede o sente è reale e cosa invece è frutto della sua psiche, resa fragile dal lutto e dal senso di colpa? La madre cercava forse di renderlo un credente in modo che le fede potesse proteggerlo da qualcosa di più oscuro?

25 agosto 2013

The Canyons - Paul Schrader, Bret Easton Ellis

The Canyons, ultimo lavoro di Paul Schrader scritto e sceneggiato da Bret Easton Ellis, delude le aspettative. Nonostante una buona prova attoriale – anche da parte del porno attore James Deen, qui per la prima volta alle prese con un film dove la recitazione conta più delle dimensioni anatomiche, ed una Lindsey Lohan che interpreta senza grosse difficoltà un’ex modella dedita al sesso di gruppo – qualcosa non convince. La regia di Paul Schrader funziona, la sceneggiatura di Bret Easton Ellis invece no. Il film può contare su attori bravi, una messa in scena patinata al punto giusto e una colonna sonora azzeccata, ma tutto avviene senza spessore. I personaggi sono sottili come figure di carta. A livello stilistico il film non di discosta molto da The Informers, anche quello scritto da Bret Easton Ellis e tratto da un suo romanzo di successo: dialoghi lunghi e statici, discorsi che si avvitano su loro stessi, processi alle intenzioni. Ma se i personaggi di The Informers avevano un’evoluzione e riservavano qualche sorpresa, i protagonisti di The Canyons sono bidimensionali, uguali a loro stessi dall’inizio alla fine. L’ostentato decadentismo dei costumi sessuali rappresentati vuole suggerire l’idea che i giovani dello star system contemporaneo conducano uno stile di vita improntato ad un modernismo sterile, inteso solo come accettazione del sesso come fulcro di ogni tipo di relazione umana, dall’amore al lavoro. Ovvero lo stesso  messaggio che Bret Easton Ellis ha voluto dare dei giovani di Los Angeles dagli anni ’80 di Meno Di Zero ad oggi. Niente di nuovo sotto il sole, insomma. Se Ellis avesse potuto fare qualcosa per rinnovarsi, pur conservando il suo stile e le sue tematiche, qui non l’ha fatto. Il film è confezionato con cura, ma non dice e non regala niente di nuovo a parte le tette della Lohan. Il problema di fondo è che la storia procede su un unico binario, come una specie di soap opera con scene di nudo ed una buona fotografia. I cinque protagonisti hanno tutti fatto sesso tra di loro ed ognuno ama quello che sta con un altro. Il climax massimo si raggiunge con un omicidio scopiazzato da American Psycho (un altro dei romanzi di Ellis), senza portare però a nessuna conseguenza per il suo autore.

23 giugno 2013

Tulpa - Federico Zampaglione


Libera il tuo Tulpa, ripete come un mantra Nuot Arquint, nel ruolo del proprietario di un misterioso club privato. Arrenditi al tuo Tulpa. Non c’è altro modo di sciogliere il nodo che blocca la tua vita. Tulpa è, secondo la filosofia tibetana, la parte segreta di noi stessi, quella che si tiene nascosta, in attesa di essere liberata per esprimere e liberare la nostra vera essenza. Allo stesso modo gli iscritti al club si spogliano della loro identità sociale e danno sfogo ai loro istinti, guidati e protetti dall’anonimato garantito dal guru Kiran. Fino a quando un assassino non comincia ad ucciderli uno ad uno nei modi più crudeli, stringendo un cerchio attorno a Claudia Gerini. 

26 maggio 2013

Le Streghe di Salem – Rob Zombie, B.K. Evenson

Heidi Hawthorne vive a Salem, ha lunghi rasta biondi ed è una dj della radio WKXB. Ha un labrador che la adora, un passato da tossicodipendente che le è costato la morte del suo migliore amico e tre colleghi affezionati che vegliano su di lei affinché non ricada nella sua dipendenza. Sorvolando sul fatto che i colleghi vengano dipinti come i protagonisti del film Boogie Nights di Paul Thomas Anderson, il quadro sembra idilliaco. Ma purtroppo Heidi è anche una discendente del reverendo John Hawthorne, che centinaia di anni prima aveva mandato al rogo una congrega di streghe sul punto di far nascere il figlio del diavolo. Così, come nella più classica delle fiabe, Heidi riceve alla radio un regalo che non è quello che sembra: non una mela, non un arcolaio dal fuso appuntito, ma una scatola di legno con incisi strani simboli, che contiene un disco in vinile di un gruppo chiamato Le Streghe. Inutile dire che la decisione di farlo ascoltare in diretta durante la sua trasmissione radiofonica sarà una pessima idea. Ed è qui che la fiaba finisce e comincia lo splatter più estremo, fatto di visioni orribili, essere sanguinolenti e mostruosi che cercano di possederla e vicine di casa invadenti che cercano a tutti i costi di farle bere del tè rilassante.

25 marzo 2013

Chuck Palahniuk: Doomed, Beautiful You, Make Something Up


Mentre latita ancora una release in lingua italiana per Invisible Monsters Remix, Chuck Palahniuk annuncia dal suo sito ufficiale di aver scritto ben tre nuovi romanzi, che faranno la loro comparsa sugli scaffali delle librerie americane nel mese di Ottobre. Dei prossimi tre anni.
Nell’ordine:

Ottobre 2013 vedrà l’uscita di Doomed, il preannunciato sequel di Dannazione, di cui potete trovare la trama qui

Ottobre 2014 sarà la volta del romanzo Beautiful You: la trama non è ancora stata rivelata, ma dai primi indizi sul sito ufficiale dell’autore dovrebbe trattarsi di un thriller comico / erotico, un mix tra Cinquanta Sfumature di Grigio e Sex and the City mescolato al genere fantasy.

Ottobre 2015 farà la sua comparsa Make Something Up, una raccolta di racconti brevi – molti dei quali già apparsi sull’edizione americana di Playboy – come già La scimmia pensa, la scimmia fa e Portland Souvenir.
Presto nuovi aggiornamenti.